Call for Volunteers & Ideas – Catomes Tôt

Faccio parte del consiglio direttivo del Catomes Tôt da quasi due anni ma è dall’estate scorsa che, a causa di alcune defezioni, il ristretto gruppo che assieme a me gestisce il centro sociale ha dovuto moltiplicare le energie profuse in questa attività di volontariato.

Quello che abbiamo fatto da settembre ad oggi ha dell’incredibile, alcuni di voi lo sanno bene. Dalla musica dal vivo ogni venerdì sera a spettacoli di teatro, dal CoderDojo per i bambini agli incontri della WordPress Community per i grandi, da incontri con il mondo dell’innovazione reggiano a quelli di di divulgazione artistico-culturale con artisti di fama internazionale e con un occhio di riguardo alla sensibilizzazione sociale… ecc ecc.

Ma fare volontariato per il Catomes Tot, ahimè, non vuol dire conoscere artisti e vedere concerti gratis. O meglio: non solo! Permetterci concerti ed eventi culturali ogni settimana facendo tornare i conti vuol dire, tra le altre cose:

  • fare grafiche, gestire i social/scrivere newsletter/inviare comunicati stampa
  • tenere i conti a costo di farlo via WhatsApp
  • fare biglietteria e rimanerci male quando capita che al “L’ingresso costa 6 euro compresa consumazione” la gente preferisca non entrare (succede molto raramente ma succede.. e ripeto.. 6 euro COMPRESA consumazione per vedere musica dal vivo… vabbè)
  • montare il palco alle 5 di pomeriggio e smontarlo alle 2 di notte (amici musicisti che venite a suonare, abbiate pietà di me e non state fuori a fumare fino a notte inoltrata, please)
  • avere l’ansia ad ogni evento (“Ma quanta gente viene oggi? Ma ci ripagheremo la serata?”)
  • sentirsi talmente a casa da dimenticare ogni tanto di mettere il tagliando (mai una volta che la faccio franca)

Ed è qui che scatta la Call for Volunteers. Perchè abbiamo tante idee per il 2017 e tanta voglia di integrare le nostre proposte con quelle di coloro che avranno qualcosa di interessante da proporci (e ricordate che tra qualche mese si aprirà la stagione estiva, in un parco che – tiriamocela – a Reggio nessuno ha).

Insomma, chiunque volesse contribuire anche in piccola parte alle attività del locale e darci una mano a portare avanti tutto questo è il benvenuto. A noi queste cose piace farle assieme, fare squadra, condividerle.. ma per sprigionare a pieno il potenziale di questo posto speciale abbiamo bisogno di allargare il gruppo. Siamo pochi ma buoni (non ho detto belli), fatevi sotto!

Inserisci un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato.